Artista Laccatore Isshu Tamura

Artista Laccatore  Isshu Tamura

L'Urushi

L’Urushi

L’Urushi è un tipo di lacca ottenuta dalla linfa dell’albero della lacca giapponese. La storia dell’Urushi risale al periodo Jōmon (13.100 – 400 a.C.). Si dice che venisse utilizzata non solo come rivestimento e decorazione, ma anche come adesivo per incollare le maniglie sui manici della asce di pietra. L’Urushi è stata successivamente utilizzata per le sue proprietà antisettiche e di conservazione, al fine di proteggere dall’usura oggetti di valore come mobili e strumenti musicali, prima di essere finalmente elevata a uso estetico in opere d’arte.
Le tecniche tradizionali della lacca Urushi sono ancora utilizzate in Giappone.

Gli oggetti artigianali in lacca Urushi della città di Kanazawa, nella prefettura di Ishikawa, in precedenza denominata dominio di Kaga, sono particolarmente rinomati. Maeda Toshitsune, terzo feudatario del dominio di Kaga, che visse durante l’ultima fase del turbolento periodo Sengoku fino all’era Edo, fece venire da tutto il Giappone artigiani celebri in tutte le artiinvitandoli a lavorare presso i laboratori Osaikusho. Si dice che le tecniche utilizzate daquesti illustri artigiani specialisti dell’Urushi siano all’origine delle lacche di Kanazawa. Ancora oggi a Kanazawa operano molti maestri artigiani, forti di una tradizione unica di oggetti d’arte in lacca Urushi che coniugano la cultura samurai a una tecnica mista di laccatura dorata conosciuta con il nome di “maki-e”.

Isshu Tamura, artista laccatore

Isshu Tamura, artista laccatore

Nato nel 1957, sotto la guida del maestro artigiano Ikko Kiyose, Isshu Tamura si è formatoalla tecnica tradizionale della lacca dorata chiamata “maki-e”, originaria di Kanazawa. Dopoaver perfezionato le sue competenze in questa tecnica, Isshu Tamura inizia a creare opered’arte originali di incomparabile bellezza. Applica la sua tecnica del kaga maki-e non soloagli oggetti d’arte in lacca, ma anche alla creazione di penne stilografiche e di orologi dapolso di lusso riconosciuti in tutto il mondo per la loro superba attenzione al dettaglio e laloro delicata bellezza.

L’artigianato tradizionale giapponese perdura nei quadranti in lacca Urushi – Il processo di produzione

La lucidatura del metallo

La lucidatura del metallo

L’Urushi viene utilizzata da secoli sia come decorazione che come inibitore della corrosione su oggetti metallici di vario tipo, dalle armature alle teiere.

I materiali utilizzati per fabbricare i quadranti degli orologi sono metallici e la prima fase del processo di laccatura consiste nella lucidatura di pezzi in ottone a forma di quadrante. La lacca non aderisce alle superfici metalliche lisce. La lucidatura serve quindi per rendere ruvide le superfici, permettendo all’Urushi di aderire. Per ottenere questo risultato, si utilizza della carbonella ricavata da legni ben stagionati. Per questo processo possono essere utilizzati vari tipi di carbonella, ma la varietà utilizzata per i quadranti Presage è chiamata “carbonella suruga” (dal nome di una regione della prefettura di Shizuoka), preferita per la sua grana fine e la sua durezza ottimale.

Il substrato e la lucidatura

Il substrato e la lucidatura

Una volta lucidata la superficie metallica, può essere applicato il primo strato di Urushi.
Questo primo strato viene applicato a pennello e finemente steso su tutto il quadrante.
Dopo l’applicazione, il quadrante viene riscaldato in un forno. La durata e la temperatura di riscaldamento del quadrante influenzano la qualità del risultato. Per questo motivo, è necessaria un’esperienza tecnica comprovata per ottenere un prodotto di qualità. Quando lo strato è asciutto, il quadrante viene nuovamente lucidato con carbonella suruga. Questo processo viene ripetuto tre volte per assicurare che la lacca aderisca alla superficie metallica in modo uniforme.

Lo strato intermedio e la lucidatura

Lo strato intermedio e la lucidatura

Dopo due settimane e l’applicazione di 3 strati di lacca seguita da lucidatura, il quadrante è pronto per lo strato intermedio. Lo scopo di questo strato è quello di fornire un rivestimento più spesso, che metterà in evidenza il colore nero, profondo e unico del l’Urushi. L’Urushiutilizzata negli strati inferiori, nello strato intermedio e nello strato superiore proviene interamente dal Giappone. Benché l’Urushi sia prodotta anche all’estero, l’Urushi giapponese vanta migliori proprietà di rivestimento e crea una profondità unica. Questa fase è fondamentale per definire l’aspetto del prodotto finito.

Lo strato superiore e la lucidatura

Lo strato superiore e la lucidatura

L’applicazione dello strato superiore è l’ultima fase di rivestimento. Questa fase finale prevede la regolazione dello spessore dello strato intermedio, fondamentale per definire l’aspetto finale dell’orololgio, evocando la sensazione estetica più adeguata per valorizzarne lo stile. Sono necessari una grande abilità e una lunga esperienza per creare una superficie liscia e omogenea, e sono richieste una pazienza e una concentrazione ancora maggiori per ottenere un’applicazione precisa su tutto il quadrante. È in questo momento che gli artigian ipossono effettivamente dare prova della loro pluriennale esperienza e delle loro conoscenze intuitive.

Dopo l’applicazione dello strato superiore, il quadrante viene lucidato, prima con carbonella suruga, poi con polvere da affilatura in grani grossi e fini, secondo un processo a più stadi, fino a ottenere la consistenza desiderata. Questo processo offre una finitura ancora più liscia. Successivamente viene applicato uno strato di suri Urushi, una lacca che diventa trasparente all’essiccamento, e il quadrante è pronto per la fase successiva.

Dopo la lucidatura, l’applicazione di suri Urushi

Dopo la lucidatura, l’applicazione di suri Urushi

A questo punto, il quadrante è stato minuziosamente rivestito con Urushi e sfoggia il caratteristico colore nero profondo. La fase di lucidatura finale viene realizzata con l’aiuto di un composto appositamente selezionato per essere utilizzato con l’Urushi e permette di migliorare ulteriormente il colore della lacca ed eliminare tutti i graffi. Infine, viene applicato un sottilissimo strato di suri Urushi, al fine di riempire tutti i più piccoli graffi o le imperfezioni che non sono state eliminate nel processo precedente.

La lucidatura finale

La lucidatura finale

Dopo l’applicazione del rivestimento e la lucidatura, il quadrante è pronto per l’ultima fase di rifinitura. Per questo processo, Isshu Tamura ricopre il dito di una polvere speciale per perfezionare la superficie del quadrante in lacca Urushi. Isshu Tamura si affida al suo savoir-faire e alla sua intuizione per lavorare minuziosamente sulla superficie del quadrante al fine di mettere in risalto la bellezza naturale dell’Urushi. Questa fase di lucidatura finale gli permette di controllare un’ultima volta la brillantezza e lo spessore, verificando al tempo stesso l’assenza di graffi o imperfezioni. Questa fase mette veramente in evidenza le competenze di un maestro. Una volta finito, il quadrante in lacca Urushi donerà all’orologio il suo colore esclusivo e l’originalità di un oggetto fatto a mano.

Strumenti molto specifici (maki-e)

Strumenti molto specifici (maki-e)

Gli strumenti utilizzati per il maki-e sono estremamente rari e solo pochi esistono ancora oggi. Spesso gli artisti laccatori fabbricano da soli gli strumenti di cui hanno bisogno per praticare la loro arte, come i pennelli e i tubi fini di funzutsu. Isshu Tamura fabbrica personalmente i suoi pennelli, autentiche estensioni della sua mano, utilizzando steli di bambù provenienti dalle montagne di Kanazawa, sui quali pone le teste dei pennelli. Tuttavia, questi pennelli fatti a mano non soddisfano tutti i rigorosi standard di Isshu Tamura. Su venti pennelli, ne sceglie solo due o tre per il suo lavoro. Utilizza inoltre spatole fatte dicapelli umani incollati con colla animale, uno strumento che apprezza per la sua particolare morbidezza.

Strumenti di lavoro molto specifici (oggetti d’arte in Urushi)

Strumenti di lavoro molto specifici (oggetti d’arte in Urushi)

Una vasta gamma di strumenti, a volte più unici che rari, sono utilizzati per la fabbricazione degli oggetti Urushi. Un tipo di pennello utilizza solo peli di topo di granaio, un materiale quasi introvabile, ma che conferisce al pennello una sensazione incomparabile. Lo stelo di una piuma di gru serve da tubo per distribuire le polveri, un fanone di balena diventa unaspatola e un dente di orata viene utilizzato per lucidare l’oro. Gli strumenti degli artigiani sono veramente il frutto di menti creative e curiose.