Seiko e JAMSTEC

Seiko e JAMSTEC Seiko e JAMSTEC

La storia degli orologi subacquei di Seiko

Dal 1965, Seiko ha inventato numerose tecnologie che hanno migliorato il livello di sicurezza degli orologi subacquei. Questi orologi innovativi sono apprezzati da subacquei e avventurieri provenienti da tutto il mondo.
Con mezzo secolo di storia e una tradizione di innovazione, l’orologio subacqueo Seiko è stato scelto molte volte da avventurieri che hanno raccolto le sfide degli ambienti più ostili del mondo.

Risolvere i problemi
degli avventurieri

Affidabilità al Polo Nord e al Polo Sud, così come in tutti gli ambienti più estremi

Affidabilità al Polo Nord e al Polo Sud, così come in tutti gli ambienti più estremi

Dal 1966, il marchio Seiko è stato scelto quattro volte per accompagnare la spedizione antartica giapponese nelle sue missioni di ricerca. Più di recente, molti avventurieri ed esploratori hanno portato Seiko in cima all’Everest e a tutte le principali vette del mondo, dimostrando il valore dell’esperienza dedicata alla creazione di orologi progettati per tutti gli estremi.

La lettera all’origine del primo orologio subacqueo professionale al mondo.

La lettera all’origine del primo orologio subacqueo professionale al mondo.

Tutto è iniziato con una lettera inviata da un subacqueo professionista della Prefettura di Hiroshima, Giappone. Questo subacqueo spiegava che nessun orologio era abbastanza resistente da sopportare le tensioni e gli sforzi cui lui si sottoponeva quando utilizzava una capsula per immersioni ed effettuava immersioni in saturazione in acque profonde.
Per gli ingegneri Seiko, questa lettera rappresentava una grande sfida. Iniziarono a lavorarci e, nel 1975, nacque il primo orologio subacqueo con cassa in titanio, il Professional Diver’s 600m.

Raccogliere le sfide

Une étanchéité qui dépasse toutes les attentes

Un’impermeabilità che supera tutte le aspettative

Nella sua ricerca continua del progresso, Seiko collabora da tempo con organizzazioni giapponesi, americane e altre organizzazioni in grado di partecipare ai test dei suoi orologi subacquei in condizioni estreme. Nel 1983, due orologi Professional Diver’s 600m sono stati fissati ai bracci manipolatori del Shinkai 2000, il sottomarino di ricerca giapponese con equipaggio a bordo, usato dalla JAMSTEC (Agenzia giapponese per la scienza e la tecnologia marina e terrestre). Questi orologi, originariamente progettati per essere utilizzati fino a 600 m, hanno comunque resistito alla pressione dell’acqua a una profondità di 1062m. La leggibilità, la precisione e la robustezza degli orologi hanno superato i test a pieni voti.

Un test ancora più estremo ha confermato l’evoluzione degli orologi subacquei Seiko

Un test ancora più estremo ha confermato l’evoluzione degli orologi subacquei Seiko

Nel 2014, il modello Professional Diver’s 1000m è stato sottoposto alla prova più estrema mai immaginata. Fissate all’esterno dello scafo del Kaiko 7000 II, un veicolo di ricerca subacquea telecomandato, le versioni meccaniche e al quarzo del Professional Diver’s 1000m sono state immerse nelle profondità del mare. Tutti gli orologi hanno funziona toperfettamente a una profondità di oltre 3000 m.
*Gli orologi sono stati selezionati in modo casuale

Immersione in acque profonde: una sfida infinita

Immersione in acque profonde: una sfida infinita

Nel 2015 si è presentata una nuova sfida, ancora più difficile. Gli orologi subacquei impermeabili a 1000 metri sono stati fissati al braccio manipolatore del sottomarino Shinkai 6500. Il braccio manipolatore era nuovo ed è stato sottoposto a test approfonditi; i nostri orologi hanno quindi trascorso 16 ore e 40 minuti in tre giorni a profondità fino a 1398 m.
Ancora una volta, gli orologi hanno superato i test a pieni voti e la loro precisione è rimasta ampiamente entro i limiti definiti. *Gli orologi sono stati selezionati in modo casuale

SBEX003

L’orologio testato

SBEX003
Sistema di azionamento: automatico con meccanismo di carica manuale
Impermeabilità: 1000 m per le immersioni in saturazione

JAMSTEC

Lo scopo principale della JAMSTEC (Agenzia giapponese per la scienza e la tecnologia marina e terrestre) è quello di contribuire a promuovere la ricerca scientifica, la scienza e la tecnologia marine, conducendo lavori di ricerca fondamentale e di sviluppo sulla vita marina, nonché attività di cooperazione sulla ricerca legate all’oceano, a beneficio della pace e del benessere umano.

Il sottomarino di ricerca Shinkai 6500

Il sottomarino di ricerca Shinkai 6500

Lo Shinkai 6500 è un sottomarino con equipaggio a bordo in grado di immergersi fino a 6500 metri di profondità, oltre quanto possa fare ogni altro sottomarino con equipaggio dedicato alla ricerca scientifica nel mondo di oggi. Nel 1991, lo Shinkai 6500 ha iniziato la sua missione di studio della topografia e della geologia del fondale oceanico e di ricerca di organismi delle acque profonde negli oceani Pacifico, Atlantico e Indiano, oltre che nelle acque giapponesi. Nel 2015 era arrivato a un totale di 1446 immersioni.

Keita Matsumoto, pilota

Keita Matsumoto, pilota

Keita Matsumoto è il pilota e ingegnere capo del sottomarino di ricerca con equipaggio a bordo Shinkai 6500. Da oltre 20 anni è responsabile del pilotaggio e della manutenzione prima del sottomarino Shinkai 2000 e poi dello Shinkai 6500. Ha più di 360 immersioni al suo attivo (più di 150 con lo Shinkai 6500). È il capo della ricerca in acque profonde in qualità di esperto di pilotaggio.

Per gentile concessione della JAMSTEC e di Nippon Marine Enterprises, Ltd.